fbpx
Radio Mercato Centrale


Retrobotteghe, il blog del Mercato Centrale

Select a city

Insieme è Magnifico

Postato il 6 June 2019 da Elide Messineo
Insieme è Magnifico
Col cibo tutto è possibile, soprattutto quando si uniscono più elementi. Tornando sempre più indietro, indagando sull’origine delle cose, è inevitabile constatare che tutto nasce dall’unione di più ingredienti – reali o simbolici – e che resiste nel tempo inglobandone di nuovi, evolvendosi e integrando altri valori. L’unione degli ingredienti fa la forza del piatto, ma non potrebbe nascere se alla base non ci fossero altre unioni: la formazione di squadre, l’accorpamento delle conoscenze, l’incontro delle culture. Dall’unione nasce sempre qualcosa di unico, un viaggio magnifico che al Mercato Centrale passa attraverso le specialità degli artigiani. L’unione fa la forza quando, mattoncino su mattoncino, costruiamo insieme qualcosa, buttando giù le vecchie barriere. Tutto diventa Magnifico quando l’hamburger incontra il gorgonzola o quando i tortelli incontrano il tartufo, quando le specialità degli artigiani si mescolano, quando beviamo insieme il caffè e i problemi diventano piccoli piccoli, anche solo per un po’. Perché quando siamo uniti tutto diventa più semplice e più buono. Più buono del tiramisù con le fragole, dei canditi e dei pistacchi. Buono come quella volta che, per caso, nacque la carbonara.

Renato Gualandi si sgranchiva le mani prima dell’inizio del grande banchetto. Grande per quanto possa essere grande un banchetto nel pieno della Seconda Guerra Mondiale. Certo, l’Ottava Armata inglese e la Quinta Armata americana che si incontrano non è mica cosa da poco, roba che non si può risolvere con due stuzzichini e basta. Renato Gualandi si preparava a portare a termine il suo compito, era il 22 settembre 1944. Nell’aria frizzantina e un po’ polverosa di Riccione la storia passava per un piatto di carbonara. Un piatto che, peraltro, ancora non aveva nemmeno un nome. Renato, partito per la Guerra nel ’39 da Bologna, era riuscito a tornare vivo dopo essere fuggito, insieme ad altri tre compagni di battaglia, raggiungendo Ferrara dal confine jugoslavo. Lasciatosi alle spalle l’ingaggio dei tedeschi della Todt lungo la Linea Gotica, Renato Gualandi era riuscito, non senza fatica, a tornare al suo lavoro originario ai fornelli. Dalla cucina di una rosticceria, dove aveva lavorato prima di partire per il fronte, a quella del Domus Mea. In situazioni d’emergenza si fa quel che si può ma spesso è quando gli elementi scarseggiano che la creatività trova libero sfogo. Che cosa avrebbe potuto cucinare Renato Gualandi, che per buona parte aveva a disposizione i tipici ingredienti di una razione K? Con latte e rosso d’uovo, entrambi rigorosamente in polvere, formaggio, pasta e bacon. Le razioni K dell’esercito americano erano “invidiate” dai militari di tutto il mondo: gli USA avevano investito molto per far sentire i loro boys sempre a casa e, soprattutto, garantire loro pasti completi e altamente proteici per mantenerli forti. Il piatto di Renato Gualandi in seguito si è evoluto, fino a diventare uno dei simboli della cucina romana, a dispetto delle sue origini. La carbonara non sarebbe nata senza l’unione di due culture e se Gualandi non avesse fatto di necessità virtù. Probabilmente si sarebbe sviluppata sotto altre forme ma se gli Alleati non avessero unito le forze e se non si fossero incontrate due culture diverse tra loro, come quella americana e quella italiana, sarebbe stato impossibile trovare l’ispirazione. L’unione fa la forza quando dietro a un piatto squisito c’è qualcosa di ancora più buono.


Il Mercato Centrale mette a disposizione il sapere degli artigiani e le loro bontà per una buona causa: sostenere la Fondazione Telethon, da sempre impegnata nella raccolta fondi per la ricerca sulle malattie genetiche rare. È così che sono nati i Magnifici. Gustando le proposte nelle botteghe in via dell’Ariento o in via Giolitti si potrà compiere una buona azione a favore della ricerca scientifica. Ancora una volta tutto parte dal cibo ma non si sofferma solo su di esso: “la bontà è elementare” con un semplice gesto diventa cura, sensibilità, sostegno.


Insieme è Magnifico - 01

Foto di Federica Di Giovanni

CATEGORIE

  • No categories
X