fbpx
Radio Mercato Centrale


La Mozzarella di Bufala e i Latticini di Guido Pallini e Carlo Bolli

Roberto Battaglia

la mozzarella di bufala

Mozzarella, ricotta, primo sale naturale o aromatizzato, scamorza, caciocavallo, burrata, stracciatella: tutto rigorosamente di latte di bufala.
Roberto Battaglia ha avviato il suo allevamento negli anni Novanta, occupandosi di rifornire i caseifici della zona, per poi aprirne uno tutto suo. Le bufale vengono allevate a stabulazione semi-libera. La mozzarella di bufala di Roberto Battaglia è un’eccellenza tutta campana. L’imprenditore casertano, pur di difendere il suo lavoro e portare avanti la sua passione, non ha avuto paura di fronteggiare la camorra, denunciando i suoi estorsori. Proprio per questo motivo ha vissuto per diversi anni sotto scorta, senza mai rinunciare al suo lavoro. Il momento di svolta è arrivato nel 2012, quando è stato notato da Oscar Farinetti, e da lì Battaglia ha continuato a far conoscere il suo lavoro, promuovendo un prodotto molto amato – e sempre più consigliato anche dai nutrizionisti – trasmettendo la sua conoscenza e la sua passione.

La mozzarella di bufala deve essere servita rigorosamente a temperatura ambiente e al naturale, per gustarla in tutta la sua semplicità e apprezzarne l’altissima qualità. Gli accostamenti sono sempre graditi, per questo in bottega si trovano altri prodotti – come il prosciutto crudo di Parma D.O.P., la mortadella al pistacchio, la bresaola o i pomodori Pachino – per metterla maggiormente in risalto. La mozzarella fatta con latte di bufala è la base per i migliori piatti ma ci sono poche e semplici le regole da seguire per gustarla al meglio: molto importante è ricordare di non tagliarla mai prima di servirla; inoltre, va conservata nella sua acqua e consumata sempre a temperatura ambiente. Quando si parla di Mozzarella di Bufala Campana, si parla dell’unica mozzarella in commercio che abbia ottenuto la denominazione di Origine Protetta, l’unica bufala a cui prestare fede.

find out more...

Roberto Battaglia ha avviato il suo allevamento negli anni Novanta, occupandosi di rifornire i caseifici della zona, per poi aprirne uno tutto suo. Le bufale vengono allevate a stabulazione semi-libera. La mozzarella di bufala di Roberto Battaglia è un’eccellenza tutta campana. L’imprenditore casertano, pur di difendere il suo lavoro e portare avanti la sua passione, non ha avuto paura di fronteggiare la camorra, denunciando i suoi estorsori. Proprio per questo motivo ha vissuto per diversi anni sotto scorta, senza mai rinunciare al suo lavoro. Il momento di svolta è arrivato nel 2012, quando è stato notato da Oscar Farinetti, e da lì Battaglia ha continuato a far conoscere il suo lavoro, promuovendo un prodotto molto amato – e sempre più consigliato anche dai nutrizionisti – trasmettendo la sua conoscenza e la sua passione.

La mozzarella di bufala deve essere servita rigorosamente a temperatura ambiente e al naturale, per gustarla in tutta la sua semplicità e apprezzarne l’altissima qualità. Gli accostamenti sono sempre graditi, per questo in bottega si trovano altri prodotti – come il prosciutto crudo di Parma D.O.P., la mortadella al pistacchio, la bresaola o i pomodori Pachino – per metterla maggiormente in risalto. La mozzarella fatta con latte di bufala è la base per i migliori piatti ma ci sono poche e semplici le regole da seguire per gustarla al meglio: molto importante è ricordare di non tagliarla mai prima di servirla; inoltre, va conservata nella sua acqua e consumata sempre a temperatura ambiente. Quando si parla di Mozzarella di Bufala Campana, si parla dell’unica mozzarella in commercio che abbia ottenuto la denominazione di Origine Protetta, l’unica bufala a cui prestare fede.

X